Video

LSD, peyote e funghi allucinogeni: effetti e conseguenze sull'organismo

Presentazione delle diverse sostanze allucinogene e dei loro effetti.

Gli allucinogeni sono un complesso eterogeneo di sostanze in grado di alterare lo stato di coscienza di un individuo.
Le più note sono di origine vegetale:
- la psilocibina e la psilocina, contenute nei funghi allucinogeni;
- la mescalina, contenuta nel cactus messicano detto peyote;
- la salvinorina A, principio attivo della salvia divinorum

La psilocibina e la psilocina agiscono sul sistema nervoso centrale e in particolare al livello delle sinapsi, interferendo con il metabolismo della serotonina. Questa interferenza provoca un senso di euforia e allucinazioni, dosedipendenti.
Questi due principi si assumono per via orale e non sono assolutamente tossici. Non danno dipendenza e assuefazione. Sono stati studiati per il ruolo che possono avere dal punto di vista farmacologico: infatti si è visto che possono risolvere diversi disturbi psichici e la cefalea a grappolo.

La mescalina è il principio attivo del peyote, un cactus diffuso nell'America centromeridionale. La principale modalità di assunzione è la via orale, mangiato direttamente o usato per fare infusi da bere. Gli effetti sono simili a quelli delle anfetamine, agendo sul metabolismo della serotonina e la dopamina. Si avrà una disregolazione della via visiva, che andrà ad alterare i segnali del nervo ottico, creando allucinazioni. Sintomi simili a quelli delle anfetamine sono: aumento della sudorazione, tachicardia, tachipnea, senso di vertici e aumento della pressione sanguigna e della temperatura corporea. La mescalina è a bassa tossicità, tuttavia su lungo periodo può creare dei danni cerebrali con crisi psicotiche e schizofrenia.

La salvinorina A è il principio attivo della salvia divinorum, considerata uno dei più potenti allucinogeni. Può essere assunta per inalazione e anche per via orale. la salvinorina non agisce sulla serotonina, ma su altri recettori, i recettori oppioidi K.
Gli effetti sono comuni a quelli delle altre droghe. Si è osservato che la salvinorina A presenta proprietà antidepressive, ed è stata utilizzata in farmaci contro la schizofrenia, i disturbi bipolari, il morbo di Alzheimer e anche contro la diarrea. Tuttavia sul lungo periodo questo principio può far emergere psicosi nascoste, come schizofrenia, crisi paranoidi e depressive.

L'LSD, dietilamide-25 dell'acido lisergico, è una droga sintetizzata da una muffa, detta segale cornuta. L'LSD è una sostanza incolore, inodore e insapore, che può presentarsi in varie forme: in gocce, in capsule e in compresse. Vieni, quindi, inalata o assunta per via orale. Può essere anche tagliata con altre sostanze, che possono peggiorarne gli effetti.
Gli effetti dell'LSD sono sempre sulla serotonina, interferendo con il lavoro di questo neurotrasmettitore: si avranno allucinazioni tattili, visive e gustative, oltre ad un profondo stato di pace interiore e armonia. L'LSD induce: vasospasmo delle arterie celebrali con conseguente mancanza di ossigeno al cervello, e convulsioni. Sul lungo periodo, può dare problemi neurologici o disturbi della personalità.

 

 

Bibliografia
- Rugarli C. , Medicina Interna Sistematica, Elsevier
- Harrison's, Principles of Internal Medicine, McGrawHill
- Robbins e Cotran, Le Basi Patologiche delle Malattie, Elsevier
- Katzung G., Farmacologia Generale e Clinica, Piccin

Cecilia Steinwurzel è laureanda in medicina all'Università Statale di Milano. Fa inoltre parte di Antares, un'associazione di pittori senza scopo di lucro.

Domande
Hai dubbi? Fai una domanda!
Relatori

Cecilia Steinwurzel

Studentessa di Medicina

Cerca tra migliaia di lezioni, corsi ed esercizi, quello che fa per te!
categorie
corsi
video
testi
esercizi
domande
definizioni