Video

Calcolo di limiti di funzioni continue: esempi

A cura di:

Una funzione si dice continua in un punto $x_0$ se

1. è definita in $x_0$, cioè se $x_0$ appartiene al suo dominio;

2. esiste il limite $\displaystyle{\lim_{x \to x_0}} f(x) $, cioè limite destro e limite sinistro coincidono;

3. $ \displaystyle{\lim_{x \to x_0}} f(x) = f(x_0) $.

Più in generale, una funzione si dice continua in un sottoinsieme $\mathcal{U} \subset \mathbb{R}$ se è continua in ogni punto $x_0 \in \mathcal{U}$.

A quale valore tende una funzione continua $f(x)$, man mano che la $x$ si avvicina a $x_0$? La terza condizione della definizione ci dice che questo limite è proprio $f(x_0)$: come si può intuire, questo accade solo se in quel punto il grafico della funzione non si interrompe, se non ha un “buco”. Questa è in effetti la nozione intuitiva di continuità che spesso viene utilizzata al posto della definizione rigorosa.

Sono continue tutte le funzioni elementari (polinomi, potenze, esponenziali, logaritmi, e le funzioni trigonometriche) e tutte le loro composizioni. In questi casi calcolare il limite equivale semplicemente a sostituire il valore $x_0$ all’interno della funzione data, come mostrato negli esempi in questo video. Se invece vengono effettuate delle operazioni tra funzioni continue, come moltiplicazioni, divisioni e così via, le funzioni che otteniamo sono continue a patto di escludere eventuali punti dove la nuova funzione ottenuta non è definita: tali punti sono un esempio dei cosiddetti punti di discontinuità.

In collaborazione con Elia Bombardelli, autore del canale youtube LessThan3Math

 

Domande
Hai dubbi? Fai una domanda!
Sei nel corso di
Relatori

Elia Bombardelli

Relatore di Oilproject

Cerca tra migliaia di lezioni, corsi ed esercizi, quello che fa per te!
categorie
corsi
video
testi
esercizi
domande
definizioni