Video

Integrali definiti: cosa sono e come calcolarli

A cura di:

Data una funzione $f(x)$, l’integrale definito in un certo intervallo $[a,b]$ ha un significato geometrico preciso: rappresenta l’area A compresa tra il grafico della funzione $f(x)$, l’asse $x$ e le due rette verticali $x=a$ e $x=b$.

La definizione rigorosa di integrale (o meglio, dell’integrale di Riemann) considera le possibili approssimazioni per eccesso (o per difetto) dell’area $A$, effettuate con funzioni a gradino costruite al di sopra (o al di sotto) della curva. Esistono infinite funzioni a gradino: ecco per esempio il disegno di una funzione di questo tipo che approssima $A$ per eccesso.

 

 

Se la migliore approssimazione per difetto e per eccesso coincidono, diremo che tale numero è il valore dell’integrale definito della funzione, cioè dell’area $A$.

Nella pratica, il procedimento per trovare l’area $A$ non tiene conto di tutte queste sottigliezze tecniche. Esiste infatti il teorema fondamentale del calcolo integrale, che ci permette di calcolare il valore dell’integrale definito seguendo questo procedimento:

 

  1. trovare una primitiva di $f(x)$, cioè una funzione $F(x)$ tale che $F’(x)=f(x)$;
  2. calcolare $F(a)$ e $F(b)$;
  3. sfruttare il teorema, che afferma questo: $$A = \int_a^b f(x)dx = F(b) - F(a)$$ 

Possiamo estendere questo concetto anche ad alcuni casi in cui gli estremi di integrazione sono infinito, o altri casi in cui la funzione integranda $f$ non è limitata sull'intervallo di integrazione: si tratta degli integrali impropri.


In collaborazione con Elia Bombardelli, autore del canale youtube LessThan3Math

 

Domande
Hai dubbi? Fai una domanda!
Potrebbero interessarti
Relatori

Elia Bombardelli

Relatore di Oilproject

Cerca tra migliaia di lezioni, corsi ed esercizi, quello che fa per te!
categorie
corsi
video
testi
esercizi
domande
definizioni