Grandi Idilli

Con l'espressione "grandi idilli", dovuta al critico Francesco De Sanctis, ci si riferisce ai "canti" che Leopardi compone nel periodo tra il 1828 e il 1830, e che sono considerati il vertice della sua poesia, sia per la sperimentazione sulle forme metriche (con il ricorso alla cosiddetta "canzone libera") sia per l'elaborazione filosofico-concettuale della visione del mondo del poeta. Dei grandi idilli fanno parte: "A Silvia", "Le ricordanze", "La quiete dopo la tempesta", "Il sabato del villaggio", "Il canto notturno di un pastore errante dell'Asia", "Il passero solitario".

Corsi 0

Lezioni 14

Qui non c'è ancora un corso per te: ma ci stiamo lavorando.

Buona navigazione!

Andrea Cortellessa

video

Alessandro Cane

testo

Marco Balzano

testo

Andrea Cortellessa

video

Marco Balzano

testo

Alessandro Cane

testo

Andrea Cortellessa

video

Alessandro Cane

testo

Luca Ghirimoldi

testo

Alessandro Cane

testo

Alessandro Cane

esercizio

Alessandro Cane

testo

Luca Ghirimoldi

testo

Luca Ghirimoldi

testo

Cerca tra migliaia di lezioni, corsi ed esercizi, quello che fa per te!
categorie
corsi
video
testi
esercizi
domande
definizioni