Video

La pila di Volta: come costruirla

L’invenzione della pila elettrica è dovuta allo scienziato italiano Alessandro Volta, che ne costruì il primo esemplare nel 1799. Il suo nome è dovuto alla forma della prima pila: una serie di dischi di materiali conduttori (rame e zinco) inframmezzati da feltri imbevuti di semplice acqua salata, e impilati l’uno sopra l’altro, a costituire, per l’appunto, una pila. Ecco la pila di Volta in un’illustrazione del 1893:

La singola unità costituente della pila (cioè i dischi di rame e zinco e il feltro posto tra di loro) prende il nome di cella elettrochimica.

Prima dell’invenzione della pila, gli scienziati avevano a disposizione delle macchine meccaniche che, per quanto raffinate, potevano produrre solo scariche elettriche, improvvise, temporanee e violente. L’invenzione di Volta invece permetteva un flusso costante e controllato di cariche elettriche: si trattava del primo esempio di corrente elettrica, effettivamente misurabile, generata a partire dalla differenza di potenziale elettrico prodotta alle estremità della pila.

In questo video costruiamo due pila di Volta, una più grande e una “portatile”, utilizzando materiali “casalinghi”: seppur rudimentali, sono vera e proprie pile, funzionanti a tutti gli effetti. Da notare che, invece dello zinco, le pile presentate nel video utilizzano l’alluminio.

 

crediti immagine: https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Voltaic_pile_battery.png

 

Domande
Hai dubbi? Fai una domanda!
Relatori

Massimo Temporelli

Relatore di Oilproject

Cerca tra migliaia di lezioni, corsi ed esercizi, quello che fa per te!
categorie
corsi
video
testi
esercizi
domande
definizioni