Asintoto obliquo

Una funzione $f(x)$ che ha un dominio non limitato e che tende a infinito per $x \to \infty$, può avere asintoti obliqui.

Un asintoto obliquo è una retta obliqua (cioè, non orizzontale né verticale) a cui il grafico della funzione si avvicina sempre di più quando $x \rightarrow \infty$, come ad esempio nella figura sottostante:

Gli asintoti obliqui non esistono sempre:

  • se la funzione ha un insieme di definizione limitato non ha asintoti obliqui perchè $f(x)$ non è definita per $x \rightarrow \infty$;
  • se $f(x)$ è periodica (come il seno o il coseno) non ha asintoti obliqui;
  • se $f(x)$ ha asintoti orizzontali non ha asintoti obliqui;
  • se risulta $\lim_{x \to \infty} f(x) = \infty $ non è comunque detto che la funzione abbia un asintoto obliquo, perchè non è detto che il suo grafico si avvicini sempre di più a una retta.

Come si fa quindi a riconoscere quando esiste un asintoto obliquo e a calcolarne l'equazione? Abbiamo bisogno di qualche definizione più precisa.

Una retta di equazione $y=mx+q$ con $m \neq 0$ è un asintoto obliquo per il grafico della funzione $f(x)$ se

$$ \boxed { \lim_{x \to \infty} \left| f(x) - (mx+q) \right| = 0 } $$

ossia se la differenza tra il valore di $f(x)$ e la corrispondente ordinata sulla retta $y=mx+q$ si annulla al tendere di $x$ verso l’infinito: questo significa che, nel piano cartesiano, il grafico della funzione $f$ e la retta rappresentata dall’equazione $ y = mx + q$ si avvicinano sempre più al tendere di $x$ all’infinito.

Supponiamo adesso che la funzione $f(x)$ che stiamo studiando ammetta un asintoto obliquo e vediamo come calcolarne il coefficiente angolare $m$ e l’intercetta $q$.

Osserviamo che se $ \lim_{x \to \infty} |f(x)-(mx+q)| = 0  $, allora vale anche (per l’algebra dei limiti): $$ \lim_{x \to \infty} \frac {|f(x)-mx-q|}{x} = 0 \quad \Rightarrow \quad \lim_{x \to \infty} \left|\frac{f(x)}{x} - m - \frac{q}{x}\right| = 0 $$

E dato che $ \lim_{x \to \infty} m=m$ e $\lim_{x \to \infty} \dfrac {q} {x} = 0$, deve valere anche

$$ \lim_{x \to \infty} \frac {f(x)} {x} - m =0   \quad \Rightarrow \quad \lim_{x \to \infty} \frac {f(x)} {x}= m$$

Quindi l’esistenza del limite finito $\lim_{x\to\infty} \dfrac {f(x)} {x} =m$ ci permette di calcolare il coefficiente angolare $m$ dell'asintoto.

Per trovare l’intercetta $q$ riprendiamo il limite iniziale e vediamo che:

$$ \lim_{x \to \infty} (f(x)-mx-q) = 0   \quad \Rightarrow \quad  \lim_{x \to \infty} (f(x) -mx) = q$$

Quindi se la funzione $f(x)$ ha un asintoto obliquo, i coefficienti $m$ e $q$ si trovano calcolando i due limiti:

$$ \boxed{\displaystyle{ m= \lim_{x \to \infty} \frac {f(x)} {x} }} \quad  \quad  \boxed{\displaystyle{ q= \lim_{x \to \infty} f(x) -mx} }$$

 

Viceversa se vogliamo verificare che $f(x)$ ha un asintoto obliquo, dobbiamo fare diversi controlli:

  1. Prima di tutto deve valere $$ \lim_{x \to \infty} f(x) = \infty $$.
  2. Quindi dobbiamo calcolare $\lim_{x \to \infty} \frac {f(x)} {x} $. Se questo limite esiste finito e non nullo allora abbiamo il coefficente angolare del possibile asintoto: $$ m = \lim_{x \to \infty} \frac {f(x)} {x} $$
  3. Infine dobbiamo calcolare $\lim_{x \to \infty} f(x) -mx$. Se anche questo limite esiste finito, allora l'asintoto esiste ed è dato dalla retta $y=mx+q$ con $$q= \lim_{x \to \infty} f(x) -mx$$.

Se quanto abbiamo detto vale solo per $x \to  - \infty$ si parla di asintoto obliquo sinistro, se invece vale solo per $x \to  + \infty$ si parla di asintoto obliquo destro.

Domande
Hai dubbi? Fai una domanda!
Relatori

Francesca Gatti

Relatore di Oilproject

Cerca tra migliaia di lezioni, corsi ed esercizi, quello che fa per te!
categorie
corsi
video
testi
esercizi
domande
definizioni