Domanda

Foto dell'utente Gabriele

Il Fuoco

Perché l'opera si chiama così??

Il 30 giugno 2014 alle 13:28, da Gabriele Guerrini
Conosci la risposta? Rispondi ora!
Foto dell'utente luca

Ciao Gabriele, in effetti la tua interpretazione è calzante; D’Annunzio stesso, presentando il suo romanzo, lo definisce “igneo”, per simboleggiare la forza della creazione artistica che sta alla base dell’opera, che tutto brucia e divora. Alla metafora del fuoco si possono così associare moltissimi significati: la distruzione delle convenzioni della tradizione in nome dei valori supremi dell’arte (impersonata ovviamente da Stelio Effrena e da Foscarina, dietro cui è facile intravedere l’autore stesso ed Eleonora Duse) e del teatro wagneriano; il trionfo assoluto della passione, vissuta dal superuomo nel passaggio da Foscarina alla nuova passione per Donatella Arvale; l’idea stessa di creazione artistica, che plasma e ricrea la realtà in una dimensione inedita. Lo stile del romanzo è esso stesso “igneo” e - per così dire - sempre mutabile come una fiamma: “Il fuoco” è, da questo punto di vista, il vertice del decadentismo e del compiacimento linguistico di D’Annunzio, che inserisce nelle pagine del suo romanzo lunghissime descrizioni, elenchi smisurati, una sintassi tanto ricca quanto elaborata e complessa. Grazie per la domanda, un saluto e buona giornata! :)

Grazie a te, Luca! Altrettanto buona giornata - Gabriele Guerrini

Foto dell'utente Gabriele

Io ho provato a darmi una risposta però non so se è corretta. Secondo la mia opinione D'Annunzio ha scelto questo titolo per simboleggiare l'ardore dei sentimenti che come una fiamma scaldano e caratterizzano l'animo del protagonista. Questa fiamma insomma è la metafora: di sentimenti, stati d'animo, emozioni, desideri e passioni egli esterna, anche in maniera molto esplicita, nel suo romanzo...

Cerca tra migliaia di lezioni, corsi ed esercizi, quello che fa per te!
categorie
corsi
video
testi
esercizi
domande
definizioni